Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: 0,00 €

Vacanze in Italia: Venezia nascosta

Federica Tamanini 21 marzo 2020

La scorsa settimana avevo lanciato l'idea della rubrica #vacanzeinitalia, pensando a tutto il comparto turistico italiano che è stato messo in ginocchio dall'emergenza Coronavirus.

Un po' di spunti per conoscere parti meno conosciute delle nostra bella Italia e magari sognare un viaggio, nella speranza che questo brutto momento finisca presto.

Mi è subito venuta in mente Arianna, amica da molti anni e guida turistica super appassionata che lavora prevalentemente su Venezia e la riviera del Brenta.

Questa è la proposta di Arianna (in fondo trovate tutti i suoi riferimenti)

Una chicca di Venezia: la Madonna dell'Orto

State pensando ad un weekend a Venezia e ci volete inserire qualcosa di meno
conosciuto?

final 12 La facciata della Madonna dell'Orto

Vi consiglio il bellissimo sestiere  di Cannaregio che per alto ben si presta ad essere esplorato arrivando dalla stazione. Lo sapete che a Venezia i quartieri si chiamano Sestieri? Deriva dal numero sei, perché si tratta di “sei pezzi” della città. Datevi come meta l’estremo lembo nord della città dove si trova quella che per me è una delle chiese più belle dell’intera città. Sto parlando della Madonna dell’Orto, famosa anche per essere la chiesa del grande maestro della pittura di Venezia, il Tintoretto.

final 10

Il grande ribelle abitava infatti poco lontano e dipinse alla metà del ‘500 una magnifica Presentazione di Maria al Tempio e due straordinarie tele, le più alte del Rinascimento.

Le troverete ai lati dell’abside, dove sono sempre rimaste… anche Napoleone non riuscì a portarsele via, considerando la loro grandezza.

Fuori dalla chiesa

Uscendo dalla chiesa notate la particolarità del campo-sagrato. Qui è superstite la prima pavimentazione di Venezia, quella in cotto a lisca di pesce, di un colore caldo e avvolgente che ben si contrappone alla pavimentazione attuale, la grigia trachite euganea. 

Vi suggerisco una piccola deviazione da fare già all'andata . Passate la stazione  e il bellissimo Ponte delle Guglie (uno dei primi ad essere ricostruito in pietra) e visitate il Ghetto Ebraico. È il primo al mondo, nato proprio qui, nella cosmopolita Venezia all’inizio del 16° secolo.

final 13 Il ponte delle Guglie

Passeggini e spritz

Se siete delle mamme con bambini e passeggino al seguito, non vi preoccupate. I 439 ponti di Venezia spesso sono forniti di comode rampe laterali, mal che vada farete un po’ di esercizio per le braccia ;-) ma le mamme veneziane ce l’hanno sempre fatta, sono sicura che ci riuscirete anche voi!

Dopo tutto questo camminare avrete sicuramente voglia di mangiare qualcosa. I vari bar e bacareti lungo il Rio della Misericordia fanno sicuramente al caso vostro! Ovviamente non potete farvi mancare uno spritz o “sprissetto”, la nostra specialità, ma mi raccomando rigorosamente con spicchio d’arancia, oliva, qualche patatina e soprattutto qualche buon cicchetto! ;-)  

Con la speranza di potervi dire “a presto” a Venezia!

 

Se volete seguire Arianna, la trovate su Instagram e Facebook.

arianna La nostra Arianna

Volete scrivere per noi e parlare dei luoghi d'Italia meno conosciuti ? Scriveteci a info@fridaproject.com.

Se vuoi commentare questo articolo, ricordati che abbiamo un gruppo su facebook in cui parliamo tanto. E pure su instagram non siamo da meno.

 

 

Commenti
X